Come l’AI affianca le aziende negli imprevisti

Tag: ai, Vedrai Spa

Al giorno d’oggi tappare le crepe quando il problema si è già manifestato è spesso routine, ma la logica della “remediation” risulta inadeguata per gestire la supply chain di un’azienda. 

Quando arriva un imprevisto l’AI può dimostrarsi un grande alleato a patto che l’organizzazione delle aziende cambi mentalità, smettendo di correre dietro ai problemi quando si verificano, ma anticipandoli. 

É evidente che oggi i dati rappresentino il vero patrimonio dell’azienda, ma limitarsi a raccoglierli, magari solo su certi processi, non basta. 

Per garantirsi un vantaggio competitivo è necessario affidarsi a soluzioni basate su sistemi d’intelligenza artificiale in grado di analizzare dati e correlarli velocemente, per fornire risposte all’imprenditore in tempo reale. 

IMPIEGA MEGLIO TEMPO ED ENERGIE

Questo permette di trovare soluzioni alternative che gli approcci tradizionali non consentono di raggiungere o che per le quali richiederebbero un dispendio di tempo ed energie che possono essere meglio impiegate all’interno della supply chain. 

Tecnologie come l’AI sono state quella marcia in più per quelle realtà più lungimiranti, ma i recenti eventi ci stanno mostrando come la resilienza si basi non solo sulla capacità di reagire ma, soprattutto, su quella di prevedere quello che sta per succedere, prima che gli effetti si manifestino con tutta la loro forza. 

Adottarle, però, richiede un importante lavoro di pianificazione, che consenta di individuare le tecnologie più adatte.

PIANIFICARE, INDIVIDUARE, AGIRE

Scegliendo la soluzione sbagliata, si corre il rischio di legarsi a una tecnologia che col tempo può rivelarsi inefficace, troppo costosa o poco versatile e, quindi, difficile da estendere al business nella sua interezza.

La pandemia ha evidenziato che i sistemi tradizionali in queste situazioni si rivelano inefficaci e, i sistemi intelligenti, non risultano più una scelta ma un bisogno primario

Non è un caso che le aziende che meglio sono riuscite a gestire l’impatto della pandemia siano state quelle che si affidavano da tempo a soluzioni basate sull’AI.

Queste aziende sono state in grado di ottenere una visibilità completa su quanto stava accadendo e, grazie ad algoritmi che suggerivano l’evolversi della situazione, hanno rimodulato la propria produzione e l’hanno adattata ai nuovi ritmi ottimizzato i processi.