Ci abbiamo visto giusto?

Ci abbiamo visto giusto

Tag: #2020 #Vedrai #pmi #AI

Prima la fatica poi la soddisfazione, dicono. Di fatica ne abbiamo messa tanta, ma la soddisfazione l’ha ripagata tutta.

Con un organico passato da 3 a oltre 30 dipendenti e un’età media di 26 anni e mezzo, decine di aziende che utilizzano la nostra piattaforma e 1 milione di euro di Ebitda prodotto nel quarto trimestre 2020, festeggiamo il primo anno di attività di Vedrai.

“Siamo entusiasti di poter condividere con il mercato questi ottimi risultati raggiunti in così poco tempo. Abbiamo superato gli obiettivi che ci eravamo posti e per questo dobbiamo ringraziare anche e soprattutto chi ha riposto fiducia in noi, dai clienti ai collaboratori”, dichiara il nostro Presidente Michele Grazioli.

“Ma non abbiamo nessuna intenzione di fermarci proprio sul più bello: per il 2021 puntiamo a guidare le Piccole e Medie Imprese verso una ripresa più veloce e solida grazie ai nostri strumenti. Lato azienda invece abbiamo un piano di assunzioni che prevede il progressivo inserimento nei prossimi mesi di ulteriori 20 figure tecniche e di operation entro Settembre.” aggiunge Michele. Stiamo consolidando la nostra strategia di comunicazione con l’intento di aumentare la brand awareness e diventare punto di riferimento in Italia per i temi relativi all’Intelligenza Artificiale, presidiando non solo social e canali “mainstream” ma anche operando su piattaforme rivolte prevalentemente ad un pubblico giovane come Tik Tok.

Il nostro obiettivo è sempre stato quello di portare l’AI ad un livello democratico, rivolgendoci alle PMI, colonna portante del tessuto imprenditoriale italiano, e siamo orgogliosi di aver ricevuto una risposta tanto positiva dal mercato.

Per festeggiare i risultati ottenuti nel primo anno, abbiamo deciso di supportare l’associazione La Zebra Onlus attraverso una donazione che servirà ad acquistare un ecografo da destinare al carcere femminile di Verziano, a Brescia. La scelta è stata dettata dalla volontà di dare un contributo concreto al territorio di Brescia, che ospita una delle nostre sedi, per contribuire a quelle battaglie per la salute che purtroppo sono state messe in secondo piano a causa della pandemia.

Siamo un team di giovani, e siamo in un settore che a differenza di altri è stato colpito meno dalla pandemia. Riteniamo giusto che alla nostra festa partecipino anche realtà che sono state meno fortunate nell’ultimo anno; in questa direzione andranno le iniziative che presenteremo nei prossimi mesi per favorire la ripartenza.

A tutti quelli che sognano con noi, vedendo un po’ più in là.